info@relattiva.it

Articoli

img

Hope hunters: gli educatori di oggi

2 Maggio 2020

Anche se a distanza di molti secoli, lontano da un contesto socio-economico e culturale come quello attuale, possiamo fare ancora nostre le parole del “sommo poeta” quando, proprio all’inizio della sua Commedia, scriveva: “mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita.” (Dante, “Inferno”, Canto I, vv. 2-3).

Leggi Tutto
img

Imparare Giocando

9 Maggio 2020

Una delle attività più interessanti e osservabili della razza umana, è quella dell’atto del GIOCARE. Se fossimo, infatti, osservati da ipotetici alieni venuti sul nostro pianeta per studiarci, probabilmente questa attività sarebbe per loro tanto singolare quanto interessante.

Il gioco è qualcosa che permea la vita dell’essere umano fin dalla nascita, ha un’impennata nella prima decade della vita poi, potremmo dire, si trasforma per mimetizzarsi in altre attività.

Leggi Tutto
img

Imparare Giocando 2/2

18 Maggio 2020

Il gioco si configura come esperienza di base per la vita di ogni essere umano, per questo Fink lo definisce costitutivo, perché è di fondamentale importanza per lo sviluppo del bambino, ma è stato definito anche sforzo volontario.Perché? Ecco, qui è bene aprire una rapida parentesi. Se ci avete fatto mai caso, i bambini quando giocano sono davvero molto autonomi e molto concentrati: creano il loro piccolo caos di giocattoli, si immergono totalmente nel mondo immaginario che creano e, a meno che non siano loro a voler coinvolgere gli adulti, se ne stanno per i fatti loro. È questo uno dei momenti in cui emerge la loro personalità, perché attraverso la creatività imparano a conoscere se stessi e la sottile linea di demarcazione tra il fantastico e il reale.

Leggi Tutto
img

Bambini/e: centri estivi, sì o no?

23 Maggio 2020

In questi giorni un argomento che sicuramente tocca molte famiglie riguarda la scelta se fare partecipare o meno bambini e bambine ai centri estivi e/o ai servizi educativi. È una scelta non semplice quella a cui sono chiamate, perché se da un lato vi è l’esigenza di tornare al lavoro, dall’altro lato si vogliono garanzie di poter affidare i minori a persone competenti, in luoghi che siano sicuri.

Leggi Tutto